Vogue vieta alcuni modelli, ma lo aiuterà?

La redazione di quasi 20 edizioni internazionali di Vogue hanno concordato la settimana scorsa di vietare dalle loro pagine tutte le modelle di età inferiore ai 16 o "che sembrano avere un disturbo alimentare." La mossa arriva in un momento in cui modelli sottili sono sempre accusati di promuovere immagini del corpo malsane.

La decisione di vietare Vogue modelli disordinati mangiare era ampiamente accolto, ma la sua formulazione lascia aperta a confusione e le sfide eventualmente giuridiche.

Questa non è la prima volta che l'industria della moda ha fatto gli sforzi per ridurre i disturbi alimentari tra i modelli. Nel 2007, il British Fashion Council raccomanda che i modelli essere sottoposti a screening per i disturbi alimentari, che richiedono le donne per fornire un certificato medico dimostrando che non sono anoressica.

Anche se gran parte del pubblico può assumere la maggior parte dei modelli di moda hanno anoressia, questo non è stato dimostrato in studi medici. La ricerca suggerisce invece che molti modelli impegnarsi in disturbi alimentari, che è sano, ma non salire al livello di una diagnosi disturbo alimentare.

Questo pone un problema per le organizzazioni e le aziende che cercano di escludere modelle anoressiche, perché non c'è modo di testare fisicamente per i disturbi alimentari. Invece, le donne sarebbe stato chiesto una serie di domande sulle loro abitudini alimentari, che - come l'uso di droghe o di qualsiasi argomento simile sensibile - potrebbero essere facilmente eluse.

Ed è proprio per questo il divieto Vogue può infine mancare i denti.

Cynthia Bulik, direttore della University of North Carolina disturbi alimentari programma, ha detto di vita piccoli misteri:. "Non si può dire guardando qualcuno se hanno un disturbo alimentare La frase 'che sembrano avere un disturbo alimentare' non è chiarita in ogni modo - come faranno a stabilire che chi determina che chi di Vogue è qualificato per fare una tale diagnosi???

"Basandosi su aspetto non sarà catturare molti comportamenti non salutari che i modelli possono utilizzare per perdere peso si può essere bulimica ed essere di peso del tutto normale", ha aggiunto Bulik, che è l'autore di "The Woman in the Mirror: Come smettere di Confondere cosa Sembri con chi sei".

Mentre la mossa del settore della moda è certamente ben intenzionato, è possibile che il divieto di modelli con disturbi alimentari può essere illegale. I datori di lavoro, comprese le agenzie di modelle e riviste di moda, possono violare la legge federale se discriminare una persona per avere una malattia.

Con così tante scappatoie, è probabile che questo cambiamento è per lo più cosmetici.

Benjamin Radford è vicedirettore del Skeptical Inquirer rivista scientifica e autore di sei libri, tra cui "Media creatori di miti: come i giornalisti, attivisti e inserzionisti trarre in inganno." Il suo sito è