La delinquenza minorile e punizione

Gran parte della società vede giovani in modo negativo. Essi sono comunemente percepiti come responsabile di un numero crescente di crimini violenti. Secondo il rapporto nazionale di giovani delinquenti e vittime del 2006, pubblicato dal Centro Nazionale per la Giustizia Minorile, il tasso di crimini violenti da giovani è ora al di sotto dei livelli degli anni 1980.

storia

La punizione per i minorenni, tra cui bambini di 7 anni, è stato molto severo nel 18 ° secolo rei minorenni sono stati processati e condannati alle stesse leggi come gli adulti. minorenni sono stati incarcerati con delinquenti adulti. Nei decenni successivi, sono state approvate una serie di riforme, tra cui l'istituzione di tribunali e centri di riabilitazione per i minori. La maggior parte del 20 ° secolo, tribunali per i minorenni hanno cercato di "riabilitare" giovani delinquenti.

Chiede clemenza cambiato alle richieste di pene più severe negli ultimi due decenni del 20 ° secolo L'incremento è dovuto agli aumenti dei giovani percepiti, il crimine violento. Stati inasprimento delle pene per reati riclassificati alcuni reati in modo che siano trattati nel sistema della giustizia e degli adulti creati frasi obbligatorie per alcuni reati.

Caratteristiche dei giovani delinquenti

Il rapporto nazionale di giovani delinquenti e vittime del 2006 fornisce le caratteristiche più comuni di imputati minorenni. La maggior parte di loro hanno problemi a scuola oa casa. La maggior parte di questi problemi il loro rapporto. 33% dei giovani sotto i 17 ammessi al di sospensione dalla scuola almeno una volta, il 18% ha lasciato a casa senza il permesso o la conoscenza dei genitori, e l'8% ha ammesso che appartiene a una banda.

crimini

Il rapporto nazionale di giovani delinquenti e vittime del 2006 afferma che i crimini commessi da giovani che vivono negli Stati Uniti continuano ad essere visto negativamente. Nel 2003, 2,2 milioni di giovani sotto i 18 anni sono stati arrestati negli Stati Uniti. Il 68% di questi giovani sono stati tra i 16 ei 17 anni.

Nel 2002, i giovani hanno rappresentato l'8% di tutti gli omicidi. Nel 52% di questi casi giovane agire da solo; 9%, ha agito con uno o più minori. Nel 39% delle uccisioni, hanno agito in collaborazione con un adulto di età inferiore ai 25.

Nel 2003, circa la metà dei crimini giovanili erano meno gravi natura. Questi crimini comprendono violazioni di droga, aggressione semplice, furto con scasso o di furto, condotta disordinata e violazioni della legge di alcol.

gara

Storicamente, c'è una disparità enorme nella gara di minorenni autori di reati nel sistema giudiziario. Alla fine del 1980, la percentuale di arresti giovanile tra bianco e nero è stato di 6 a 1. Entro il 2003, la percentuale è stata ridotta da 4 a 1. Nel 2003, i giovani neri sono stati responsabili per il 63% degli arresti per rapina giovanili . Rappresentano il 48% degli arresti giovanile per l'omicidio, il 40% degli arresti furto di veicoli e il 38% di tutti gli arresti giovanile per aggressione aggravata.

sesso

dati di reporting nazionali del 2006 mostrano che nel 2003 le donne rappresentavano il 29% degli arresti giovanile. I minorenni femminili sono più probabilità di essere arrestati per prostituzione o andare a casa rispetto a qualsiasi altro crimine. Essi sono il 10% più probabilità di commettere crimini da soli. Tra il 1980 e il 2003, gli arresti di sesso femminile per i reati più gravi come l'aggressione aggravata, rapina, furto, atti vandalici e furti di veicoli, sono aumentate.

incarcerazione

Tra il 1991 e il 2003, il numero di giovani incarcerati nelle strutture pubbliche e private è aumentato del 28%. Nel 2003, il 18% dei bambini sono stati incarcerati nelle strutture statali e il 23% nelle strutture locali. Tuttavia, la maggior parte del 59%, sono stati imprigionati in centri privati ​​di detenzione minorile.